Worming your way to good health, TED talk from Dr. Paul Giacomin
perché aspettare quando la natura fornisce tutto l'aiuto necessario?

Nel corso della storia dell'evoluzione, gli esseri umani hanno sempre vissuto insieme a vermi intestinali noti come elminti. Si pensa che il nostro sistema immunitario si sia sviluppato nel corso dei millenni per diventare dipendente dalla loro presenza. È stato dimostrato che gli elminti sono potenti regolatori immunitari. Molecole secrete consentono loro di eludere e difendere le difese dell'ospite stimolando la produzione di cellule immunitarie antinfiammatorie. Durante la nostra lunga e costante co-evoluzione con elminti, i nostri sistemi immunitari si sono evoluti per anticipare la loro presenza e fare affidamento sulla loro influenza immunomodulante per funzionare.

Negli ultimi 100 anni, l'ambiente umano nel mondo industrializzato è cambiato da essere irriconoscibile. L'urbanizzazione, il miglioramento delle strutture igienico-sanitarie, i moderni sistemi fognari, i programmi di vaccinazione e l'uso di antibiotici hanno ridotto drasticamente l'incidenza di quelle che una volta erano malattie diffuse e devastanti. Allo stesso tempo, tuttavia, abbiamo perso il contatto con molti organismi simbiotici che il corpo umano dovrebbe naturalmente accogliere.

Nel 1989, il Dr. David P. Strachan ha pubblicato un articolo sul British Medical Journal in cui ha scoperto che le malattie allergiche sono meno comuni nei bambini di famiglie numerose e lo ha correlato alla maggiore esposizione agli agenti infettivi nell'infanzia [link]. La teoria emersa dalle sue osservazioni è diventata nota come l'ipotesi igienica. Da allora questo concetto si è sviluppato nella teoria “i vecchi amici” che afferma che il corpo umano ha un ecosistema interno o un bioma che dovrebbe contenere un gran numero di microrganismi micro e macro affinché il sistema immunitario funzioni correttamente. A causa dei rapidi cambiamenti nel moderno ambiente urbanizzato, abbiamo perso il contatto con molti di questi organismi necessari e questo ha danneggiato lo sviluppo del nostro sistema immunitario, portando a risposte infiammatorie incontrollate che portano a disfunzione allergica e malattie autoimmuni.

L'ipotesi di igiene / la teoria “i vecchi amici” è ora diventata uno dei più importanti quadri teorici utilizzati nello studio delle malattie immunitarie e ha ovviamente portato all'idea che la reintroduzione nel bioma umano di elminti o prodotti derivati ​​dagli elminti potrebbe portare aiuto a tutti i tipi di disfunzioni immunitarie.

Negli ultimi decenni sono stati condotti numerosi studi sugli effetti immuno-regolatori degli elminti negli animali e nell'uomo. Eccone alcuni:

STUDI CONDOTTI SU ANIMALI

Nel 1999, la professoressa Anne Cooke ha trattato i topi NOD (non obesi diabetici) con vermi, con il risultato di aver bloccato lo sviluppo del diabete di tipo 1. [link]

Nel 2002, i ricercatori della Harvard Medical School hanno scoperto che i topi sensibili all'anafilassi a causa dell'esposizione alle arachidi avevano una reazione notevolmente ridotta quando trattati con i vermi. [link]

Nel 2003, alcuni ricercatori dell'Università dell'Iowa hanno scoperto che l'esposizione ai vermi riduceva l'infiammazione intestinale portando alla malattia di Crohn nei topi. [link]

Nel 2007, i ricercatori del Trinity College di Dublino hanno scoperto che i vermi prevengono lo sviluppo della malattia nei topi sensibili alla colite. [link]

Nel 2012, Margaret Harnett e colleghi dell'Università di Glasgow hanno scoperto che le molecole secrete dai vermi impediscono la progressione dell'artrite reumatoide significativamente nei topi. [link]

Sempre nel 2012, i ricercatori dell'Università della California hanno scoperto che il trattamento con elminti ha portato alla remissione dei sintomi in 4 scimmie rhesus su 5 con ICD (una condizione simile alla colite ulcerosa nell'uomo). [link]

STUDI CONDOTTI SU PERSONE

Nel 1993 il dott. Neil Lynch ha scoperto che il trattamento dei bambini di una baraccopoli venezuelana per i vermi parassiti ha accelerato lo sviluppo di allergie, mentre i bambini non trattati sono rimasti senza allergie. [link]

Nel 2004, il Dr. David Pritchard è stato uno dei primi a sperimentare l'uso dei vermi a uncino  Necator Americanus nel trattamento della disfunzione immunitaria. Durante i lavori sul campo in Papua Nuova Guinea, il dottor Pritchard aveva notato che le popolazioni locali colonizzate da vermi a uncini avevano meno possibilità di malattie allergiche e immunitarie. Il successo di un primo esperimento di auto-colonizzazione ha portato a uno studio del 2006 presso la Nottingham University con 30 partecipanti, 15 dei quali hanno ricevuto 10 vermi a uncino ciascuno. I risultati hanno mostrato che quelli con vermi a uncino hanno iniziato a sperimentare una reazione infiammatoria inferiore e che le loro reazione immunitarie sono state soppresse rispetto a quelli con il placebo. [link]

Dr. Pritchard ha riferito che "molte delle persone che hanno ricevuto il placebo hanno fatto domanda per i vermi e molte persone con i vermi hanno scelto di tenerli".

Nel 2010 il Dr. Pritchard ha presentato i risultati di uno studio condotto in Vietnam con 1487 bambini in una regione endemica rurale. Si è scoperto che coloro che hanno ricevuto un trattamento antielmintico per un periodo di 12 mesi per ridurre il carico di vermi hanno sperimentato un aumento della sensibilità agli allergeni cutanei. [link]

Nel 2005, il Dr. Joel Weinstock e colleghi dell'Università dell'Iowa hanno condotto uno studio con elminti su 29 pazienti con malattia di Crohn attiva. 23 pazienti (79,3%) hanno reagito al trattamento e 21 (72,4%) sono andati completamente in remissione. Nello stesso anno hanno anche pubblicato i risultati di uno studio che ha scoperto che gli elminti sono un trattamento sicuro ed efficace per i pazienti con colite ulcerosa attiva. [link]

Nel 2007, il Dr. Jorge Correale e altri hanno pubblicato i risultati di uno studio di 5 anni sugli effetti della colonizzazione da elminti in pazienti con sclerosi multipla, dimostrando che coloro che ospitano elminti hanno manifestato una riduzione significativa dei sintomi della SM rispetto ai pazienti senza elminti. [link]

Nel 2014 il dott. John Croese ha collaborato con scienziati della James Cook University nel Queensland, in Australia, per testare gli effetti del verme a uncino nei pazienti con malattia celiaca. I soggetti sono stati inoculati con 20 larve di Necator americanus ed esposti a crescenti provocazioni di glutine per 12 mesi. Alla fine del periodo di prova, i soggetti erano in grado di consumare una scodella di spaghetti di medie dimensioni senza danneggiare, un pasto che avrebbe normalmente causato diarrea, crampi e vomito. Tutti i soggetti del test hanno scelto di tenere i loro vermi dopo aver completato il processo. [Link]

Il professor Alex Loukas della Cook University ha dichiarato: "Questo studio ha confermato i vermi a uncino come scelta di parassiti per applicazioni cliniche".

La ricerca del Dr. Rick Maizels dell'Università di Edimburgo ha identificato parte della spiegazione biologica della capacità degli elminti di smorzare una risposta immunitaria iperattiva. Ha scoperto che i topi con vermi parassiti hanno creato più cellule T regolatorie che modulano la risposta immunitaria secernendo composti che contrastano l'azione infiammatoria di altre cellule immunitarie. [link 1, 2]

Ha spiegato: "Ci sono molte prove che l'allergia è il sistema immunitario che ha esagerato un po '. I vermi si limitano a farlo tornare indietro".

Attualmente sono in corso numerosi studi clinici sul trattamento con Elminti per varie malattie immuno-correlate. Nel dicembre 2013, Coronado Biosciences ha presentato dati provvisori durante l'incontro annuale dell'American College of Neuropsychopharmacology per le loro ricerche sulla colonizzazione da elminti in pazienti autistici. Dopo 12 settimane di studio incrociato in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, i pazienti con elminti hanno visto una riduzione statisticamente significativa dei comportamenti autistici. [link]

Le prove più convincenti per il successo del trattamento elmintico, tuttavia, possono essere viste al di fuori dell'ambiente di laboratorio. Negli ultimi 10 anni, più persone hanno sentito parlare delle sorprendenti proprietà immunoregolatorie dei vermi dell'elminto, molti hanno proceduto all'autoinoculazione per trattare un gran numero di condizioni immuno-correlate. Si stima un incredibile tasso di successo dell'80% nella comunità del trattamento elmintico. Molti sostengono che i loro vecchi amici li hanno salvati dal vivere con una malattia paralizzante e la dipendenza da droghe con effetti collaterali in costante peggioramento. Puoi leggere molti casi e discussioni generali sul trattamento con elminti sul gruppo di supporto Facebook HT Support e sul sito web Wiki Helmintich Therapy:

Il gruppo di supporto Facebook HT Sipport è una comunità vivace e amichevole di utenti della Terapia Elmintica (HT), che ha anche una sezione di archivi utili in cui è possibile trovare le risposte a molte delle domande più frequenti sul trattamento.

Il sito web Wiki Helmintic Therapy ha una vasta raccolta di documenti con tutto ciò che è necessario sapere sulla terapia.

Together against Allergy and Autoimmunity